BREAKING NEWS
Salernoagenda è pronta col nuovo sito
Maxdale e quel bagaglio di emozioni raccontato "a bassa voce"

Massimiliano D'Alessandro presenta al Terzo Tempo Village il suo album d'esordio prodotto da Casa Lavica

Musica e parole, possiamo definirlo così l'incontro che questa sera si terrà al Terzo Tempo Village, il cui protagonista sarà Massimiliano D'Alessandro, in arte Maxdale. Per l'occasione il cantautore salernitano, reduce dalle ultime fatiche dell'album d'esordio “A bassa voce”, prodotto da Casa Lavica Records etichetta indipendente partenopea, presenterà il primo singolo estratto “Melody”  in featuring con Alessio Iodice degli Urban Strangers e arrangiato da Ennio Mirra, Raffaele Ferrante e lo stesso Massimiliano. Melody è un brano in cui il blues si mescola con la musica elettronica tra racconti di vita ed emozioni autentiche, il cui video è stato interamente girato sotto forma di un videogioco. «A bassa voce – racconta Massimiliano – mi rappresenta perché, nella mia vita, ho sempre cercato di avere un profilo basso. Questo mio modo di essere l’ho ereditato da mio padre che considero un grande esempio di umiltà». 

Ex concorrente dell’edizione 2015 di XFactor, Maxdale da concorrente della squadra “Over” capitanata da Elio di strada ne ha fatta tanta. Ben quindici anni di musica, quelle che Massimiliano ha alle spalle, in cui ha dimostrato di avere il talento necessario per avere successo in questo mondo. «L’esperienza di XFactor – spiega – è stata un banco di prova dove ho messo a fuoco potenzialità e debolezze. Uscito da lì ho avuto la fortuna di incontrare Casa Lavica, che mi ha dato la possibilità di lavorare all’album». Proprio quest’ultimo, infatti, rappresenta una vera e propria rottura con il percorso che il cantautore salernitano ha fatto fino ad ora.

Dieci tracce, quelle contenute nel primissimo cd in cui il background soul è stato applicato al pop italiano, con passaggi di musica internazionale, elettronica, in una vera e propria fusione di generi. «Nell’album – continua Maxdale – abbiamo citato la nostra terra, in molti mi dicono che per fare carriera dovrei andar via ma io sono troppo legato a questi luoghi e credo di poter lavorare bene anche qui a Salerno, centro di un grande vivaio».

 


SHARE

21-12-2016

di Marina Illiano

ARTICOLI DI MARINA ILLIANO

Maxdale e quel bagaglio di emozioni raccontato "a bassa voce"


#Venti4, a Salerno arriva il selfshop


Massimiliano D'Alessandro e quel blues cantato "A bassa voce"


ARTICOLI CORRELATI

Foja ed Almamegretta trascinano il pubblico del Campania Eco Festival 2017


Arriva Mathmind, secondo lavoro dei salernitani A Rainy Day in Bergen


Per Dileo è il tempo de "La Nuova Stagione"


Salerno Agenda Logo

REDAZIONE

CONTATTACI

Versione 1.0

© Copyright 2010-2019 - salernoagenda